CERTO CHE…!

buon giorno…sera! torniamo alle vecchie abitudini di salutare! sono le 19.18 del 28/10/2015

quando ero ragazzo mi dicevano che con i miei metodi e idee non sarei arrivato al 2000, o anche alla pensione! beh eccomi ancora quì, in vita, con modesta pensione ma alle volte è sempre meglio che non aver nulla!

fortunatamente non mi restano molti anni…spero, ogni giorno aggiungo nuovi episodi di stupidità umana alla mia già esuberante raccolta, anche la stupidità fa parte dell’insegnamento, inutile pestarsi un dito col martello quando ti dicono che fa male, come ben noto in natura sopravvive il più forte, l’unica considerazione che stride è che la forza oggi come oggi è solo dettata dal potere, in gran parte dovuta alla ricchezza…di carta chiamata denaro non certo mentale, secoli addietro la vera ricchezza era il sapere, la conoscenza, lo studio di altri popoli più eruditi! oggi come oggi questi valori sono dimenticati, si vive di chiacchiere, non i famosi dolcetti, e di illusioni, chi racconta balle più grosse è sempre alla ribalta e c’è pure gente che crede! purtroppo solo perchè a loro non è stato permesso di usare il cervello, l’ignoranza è padrona del campo, beh vado in altro pascolo dove non sarò tediato da ferali solite notizie, è molto piccolo, composto da una rete, un materasso, 2 cuscini e abbondanti coperte, da lì posso scrutare cosa capita nell’universo, terra esclusa! buona notte sono le 19.36 d.o. cgdg

RIPARTO DA ZERO! capitolo 1°

beh tutto è iniziato da alcune riflessioni, chi sono e cosa sono, a tale scopo per capire devo appoggiarmi ad alcune affermazioni di personaggi illustri in epoche remote, diciamo che i filosofi sono i miei prescelti, erano e sono tutt’ora alla ricerca di un certo X come pure il sottoscritto!

partiamo dunque da 2 punti per me rilevanti, l’affermazione che 2 cose, metti pure entità, non possono coesistere nel medesimo tempo e/o spazio, mi pare facile da capire! la seconda dice che nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma, teniamo le 2 citazioni in evidenza in quanto serviranno a capire poi alcuni concetti

questo è il preambolo per come continuare devo far ordine nei miei pensieri al fine di renderli comprensibili anche a un profano!

VEDIAMO DI CAPIRCI

terra_day.JPG

 

sono le 20.39 del 22/09/2013

buona sera, oggi ho letto il seguente articolo e avrei qualche obiezione sulla sua correttezza

LA TERRA SI MUOVE COME UNA MATRIOSKA

Il risultato di una ricerca dell’Università britannica di Leeds, pubblicata sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, Pnas, ha risolto un mistero vecchio di 300 anni.

La Terra? E’ come una matrioska, uno strato dentro l’altro. Una ricerca dell’Università britannica di Leeds, pubblicata sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti,Pnas, ha risolto un mistero vecchio di 300 anni, quello sulla rotazione terrestre che gira in senso inverso rispetto al nucleo del pianeta.

La risposta è nel campo magnetico, che spinge il nucleo interno, composto da ferro solido, verso Est facendolo ruotare molto velocemente, mentre il mantello del pianeta, formato da ferro fuso si muove in maniera più lenta e verso Ovest. Una doppia rotazione che per tre secoli ha impegnato gli scienziati, senza successo.
Secondo gli autori della ricerca il collegamento è spiegato in termini di azione uguale e contraria: il campo magnetico spinge verso Est il nucleo interno, che ha circa le dimensioni della Luna, facendolo girare più velocemente, ma nel contempo spinge anche nella direzione opposta il nucleo
esterno liquido, che si muove verso Ovest

I ricercatori hanno simulato il movimento al computer, con una precisione di circa 100 volte superiore rispetto a quella di altri modelli. Il fatto che, nell’arco di decenni, il campo magnetico all’interno della Terra cambi lentamente direzione significa che la forza elettromagnetica, cambi essa stessa nel tempo. Questo potrebbe spiegare, secondo un articolo pubblicato recentemente sulla rivista Nature Geoscience, le fluttuazioni verso Est che si stanno verificando negli ultimi 50 anni. 

a sua volta il mantello esterno è ricoperto dalla crosta terrestre, e quì sorge il dubbio! come riportato nel mio scarabocchio, mi pare ovvio che, tramontando il sole ad Ovest la rotazione avvenga verso est! o trattasi di un terzo moto rotatorio?

 

rotazione.jpg

a cosa serva poi tutto questo studio è pure un’altra incognita inutile ovvero spreco di tempo e denaro, l’universo è l’unico in grado di far quello che gli pare senza bisogno di consultarsi con terzi!

buona nottata cgdg sono le 21.06 d.o.

 

 


 

 

L’OFFESA

offesa.jpgsono le 01.06 del 02/07/2013

salve! sono ancora quì!

l’offesa…..già, ma questo esiste solo come parola da noi forgiata, in effetti non esiste motivo? se qualcuno insulta, pronuncia termini per arrecare dolo od offesa, dimostra solo di non essere una persona coerente e pensante, in parole povere…un cafone, peggio ancora il sentirsi offesi, è come dar peso alle parole, alla persona che le ha pronunciate, sarei forse io così stolto di mettermi al suo livello? dalla sua bocca è uscita aria provocando un suono senza significato, il dar peso alle sue parole o atti dimostrerebbero la loro importanza, se perfettamente ignorati, visto che tendenzialmente le persone non trovano soddisfazione a far cose inutili, a parlare al vento, le eventuali azioni avrebbero presto termine, ricordate? il judo psicologico, fin da bambino quando facevano di tutto per prendermi in giro, offendermi, io amplificavo l’offesa, come rispondere: ma solo questo? io sono molto peggio! provate a inserirlo nel vostro modo comportamentale, col tempo diventerà abituale, vi sentirete meglio e il tempo scorrerà senza peso e rancori inutili, buona notte cgdg sono le 01.22 d.o.

DOPO LA MORTE?

hack.jpgsono le 22.40 del 01/07/2013

buona sera, stavo leggendo la risposta data dalla ormai defunta margherita hack, data alla domanda: cosa c’è dopo la morte, nente! lei rispose

in effetti se si analizza bene la cosa, sì ritorniamo radiazioni nell’universo, è possibile un nuovo reincontro tra esse, possibile il rientro a un nuovo percorso di vita ma, non è possibile sia la medesima! così come non è possibile che 2 identiche cose possano occupare il medesimo spazio nel medesimo spazio, una sola cosa non può essere in 2 spazi o tempi diversi, credo che sia il suo eccellere nell’eplorazione dell’universo, pur adattandosi alle concezioni obbligatoriamente da noi formate, a renderla conscia della cosa! ed infatti la morte la preoccupava meno di niente, come si suol dire, il domani? lo scopriremo domani e se non ci fosse di sicuro non potremmo sentirne la mancanza! buona notte cgdg sono le 22.58 d.o.

L’UOMO INVISIBILE

invisibile.jpg

 

sono le 21.10 del 15/06/2013

buona sera, passato del tempo e nulla di nuovo, il solito caos mondiale, onestamente mi lascia indifferente ma veniamo a noi

ormai sento e vedo ripetute conferme da parte della scienza di quanto ho sempre detto, ovvero che siamo solo frequenze, vibrazioni o chiamatele come volete, io rimango fedele al mio E, elettrone, energia!

tempo addietro la scienza ha concesso anzi affermato il fatto che l’essere umano sia composto a circa 80% di acqua, pure il cervello dunque! se andiamo oltre notiamo che essa è formata in buona pace da 2 atomi di ossigeno e 1 di idrogeno, logico quindi che alcune emanazioni del cervello possano interagire direttamente, seguendo opportuni metodi, a questo punto vi propongo

http://www.lastampa.it/2013/06/14/multimedia/cultura/muovere-l-acqua-con-la-forza-del-pensiero-ora-si-puo-sfdoOj52UVEo9UDYEnuZKM/pagina.html

tutto ciò che vediamo attorno a noi non è altro che l’interpretazione di viene interpretato dal cervello ricevendo i diversi segnali, vediamo la luce?

proprio oggi ho seguito una trasmissione sull’argomento, noi vediamo ben poco se pensiamo all’iride ma… dove li mettiamo gli infrarossi? gli ultravioletti, i raggi x, i gamma e chi più ne ha più ne metta! ho seguito l’esempio illustrato sul gheppio, uccello rapace, in grado di catturare un topo non grazie alla sua vista acuta ma bensì perchè il topo marcha di continuo il suo passaggio con l’urina, fonte di ultravioletto che vista in un contesto molto diverso è come una lampada nel buio e il gheppio è appunto in grado ri vedere quella frequenza di ultravioletto

noi ci vediamo, ci distinguiamo solo per il semplice fatto che emaniamo delle frequenze, lo stacco tra i vari colori forma l’oggetto, la persona, se fossimo di un unico colore, diciamo blu, su uno sfondo blu non saremmo assolutamente visibili!

arrivando al sodo, se fossi in grado, e non ritengo la cosa impossibile, di disturbare la mia frequenza, basterebbe solo questo, sarei decisamente invisibile da altri

non vi è mai capitato di appoggiare un oggetto da qualche parte senza memorizzare? poco dopo lo cercate disperatamente e non lo trovate, eppure è lì davanti a voi! solo che il vostro cevello è fuori frequenza, non lo riconosce, passa del tempo, fate, pensate ad altro ed ecco l’oggetto tanto cercato, eppure era lì davanti al vostro naso, a nessuno credo venga in mente di cercarne il motivo o la causa, vi accontentate di una scusa qualsiasi

l’ipnotismo, non agisce forse su questi metodi? già noi in effetti non siamo altro che vibrazioni, onde come quelle delle radio AM, FM, onde lunghe, onde corte, cortissime ecc.. percepibili solo se ci sintonizza sulla stessa frequenza, il resto c’è ma è come se non esistesse

in effetti non sono per nulla sicuro di esistere, ma….se continuo a farlo mica cambia qualche cosa!

ora credo che sia ora di credere di essere stanco! dunque credo di andare a dormire! buona notte cgdg sono le 21.53 d.o.

AL CENTRO DELL’UNIVERSO?

zero.jpg

 

sono le 01.04 del 10/05/2013

buona sera, giusto oggi mi si è posto un quesito, vediamo come possiamo non risolverlo

parlando nel gruppo di ascolto a cui partecipo, onestamente non sempre volentieri, si è presentato il solito quesito, sei libro di farne parte ma ti devi ADATTARE a certe regole, in questo gruppo c’è totale libertà….dunque? già vero, sono capitato in questa vita sociale! per farne parte mi devo per forza sottomettere e adattare, una persona se ne è uscita con una frase: devi ricordare che non sei tu un dio o il centro dell’universo, mmmmm….la cosa mi ha creato un certo fastidio e penso, ci deve essere per foza un qualcuno, un qualcosa al centro dell’universo? perchè dovrei mettere altri se non me stesso al centro del “tuttosommato” mio universo? credo giustamente che in primis deva prevalere la mia volontà, se si ritiene un gruppo libero, ritengo che giustamente, non come è pure stato citato “la tua libertà finisce dove inizia la libertà altrui” ma la tua libertà non deve andare in “contrasto” con la libertà altrui, ritengo la cosa nettamente diversa, è come percorrere dei cerchi, come ho sempre detto, nell’universo è tutto in continua rotazione, per far si che tutto questo movimento sia armonico devi però evitare le rotazioni altrui, non incrociarle, ma non per questo smettere di seguire il tuo moto, quando percorri una strada e incontri un altro viandante, puoi seguire lui se fa parte del tuo percorso o viceversa, se si arriva ad incrociarsi allora si deve solo evitare lo scontro o avviene il patatrak! mai capitato di incontrare una persona in uno stretto passaggio? vado a destra e lui a sinistra, mi sposto e lui pure, ci sbattiamo muso a muso? meglio fermarsi,  far capire con un gesto, con una mano, la propria intenzione, l’importante non è da dove passare per proseguire ma di poter proseguire, in questo caso vi è stata libertà di scelta, la ocsa penso che la porterò ancora avanti, in buona sostanza, oggi nel gruppo si fa…..diciamo musica…a me non interessa, non è tra le mie priorità, dovrei forse per questo uscire dal gruppo? non posso io fare semplicemente ascolto? già ma allora che ci faccio nel gruppo? mi sento come potrebbe sentirsi una larva nel suo bozzolo, prima o poi ne uscirà per andare incontro a una nuova vita che la porterà ad una libertà assoluta, fintanto che non inizierà a ricostruire un nuovo bozzolo e così via, me pare una schifezza ma purtroppo le cose GIRANO così! smetto per un attimo di girare e torno a dormire, buon risveglio! cgdg sono le 01.41 d.o.

IL PENSARE RENDE?

olimpiade.jpg

 

sono le 05.25 del 23/03/2013

salve, eccomi ancora quì! ed ecco come lucrare sul pensiero, manca che diventi uno sport, magari olimpico, non ci sarebbe da stupirsi se portasse profitto!

 

Caffè filosofici e talk show intellettuali
A Parigi va di moda il prêt-à-penser

Bernard-Henri Lévy

 
 
Sulla scia di Bernard-Henri Lévy
fioriscono le nuove generazioni di pensatori, che spopolano sui media, nei teatri, al cinema, ovunque
ALBERTO MATTIOLI
CORRISPONDENTE DA PARIGI

Quant’è chic pensare. Passano i secoli, cambiano i regimi, oscillano le certezze, ma la passione dei francesi per i filosofi, specie per i loro, non finisce mai. Come nel Settecento, l’«ésprit» ha ancora e sempre i suoi diritti. Ha solo traslocato dai salotti delle marchese ai talk show televisivi. Però, se la location del pensiero è cambiata (e non in meglio), allora come oggi nel serraglio del bla-bla la fauna più ricercata è quella dei «philosophes», pregati di esternare su ogni ramo dello scibile umano, dalla metafisica alla politica, dal cinema alla gastronomia. Teste d’uovo che insegnano tutto, dall’ermeneutica alla corretta cottura dell’uovo alla coque (appunto). Del resto, in Francia non solo viene pubblicato un mensile filosofico,«Philosophie Magazine», ma lo si vende pure: circa 50 mila copie, un’enormità. Cogito ergo je suis. 

 

Dal 1992, il ritrovo dei filosofi (specie la domenica mattina, per unire al dilettevole del pensiero l’utile del brunch) è il «Café des Phares» in piazza della Bastiglia. E’ tale il successo che adesso ha aperto il primo «café philo» ospitato da un grande albergo, l’hôtel d’Aubusson: si cogita ogni secondo martedì del mese con Raphaël Prudenzio. Poi c’è il cinema filosofico, all’«Entrepôt», dove una domenica al mese segue dibattito (e sullo sfondo echeggia il grido di Nanni Moretti: «No, il dibattito nooo!!!»). 

 

Il modello, ovviamente, è Bernard-Henri Lévy, il più noto dei filosofi in servizio permanente effettivo, l’uomo che ha convinto Sarkozy a dichiarare guerra a Gheddafi, invidiatissimo sia per la disinvoltura con la quale si esprime su ogni possibile argomento sia per l’eleganza con la quale porta le celebri camicie bianche, molto imitate ma altrettanto inimitabili. BHL è sopravvissuto a tutto, tumultuose vicende private (i giornali «people» lo braccano come e più di una star del cinema) e pubbliche stoncature. Fino alla beffa crudele di fargli prendere sul serio un chiosatore di Kant, tale Jean-Baptiste Botul, in realtà mai esistito perché inventato di sana pianta da un giornalista malvagio. Al cinema Saint-Germain-des-Prés la sua rivista, «La règle du jeu», tiene ogni domenica mattina il suo seminario settimanale. 

 

Anche Luc Ferry non scherza. Benché come ministro dell’Educazione nazionale non abbia brillato, in tivù è più inamovibile delle previsioni del tempo. Nei rari momenti in cui non è in studio, fa lezione (il giovedì alle 12.30) al Théâtre des Mathurins. Prossimi imperdibili appuntamenti, il 28 marzo («Esiodo e Platone: la nascita delle grandi etiche aristocratiche») e il 4 aprile («L’amore che salva: Gesù e il giudaismo»). 

 

Ma già dilaga, sui media e live, una nuova generazione di filosofi alla moda, per lo più giovani, carini e occupatissimi a spiegare il mondo. E’ una «filosofia pop» che esce dai polverosi recinti accademici e per divulgare il sapere sceglie luoghi e forme inusuali. Così, il piacionissimo Vincent Cespedes (ultimo libro: «L’uomo spiegato alle donne») spezza la tortilla del sapere al «Barrio Latino». Charles Pépin, «il filosofo dandy» secondo il «Figaroscope», officia, anche lui, al cinema, per la precisione l’MK2, il lunedì alle 18. Oivier Maulin, autore delle «Luci del cielo» anima un «Circolo cosacco» al ristorante «Chez Barak» ogni giovedì alle 19. 

 

I titoli dei libri di questi giovani stilisti del prêt-à-penser oscillano fra la filosofia e il sentimento: «Corpo a corpo» di Augustin Trapenard, «Una donna con una persona dentro» di Chloé Delaume, «I filosofi e l’amore» di Aude Lancelin. Quasi una filosofia rosa. Del resto, Raphaël Enthoven è più paparazzato per la sua vita privata che per la sue opere: divorziato da Justine Lévy, figlia di BHL, ha fatto un pezzo di strada e un figlio con Carla Bruni e quando Carlà ha scelto Sarkò si è consolato con l’attrice Chloé Lambert, con cui ha avuto un altro figlio. L’ha presa con filosofia.

ribuona notte cgdg sono le 05.31 d.o.